Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

OK

Login

StudioPinelliArchitetti


Architettura e progettazione edilizia

Richiesta veloce preventivo
NOME
E-MAIL
TEL
TIPO
MESSAGGIO

Località: Formigine (MO)

 

Committente: Privato

 

Cronologia: 2008

 

L’intervento riguarda la nuova costruzione di edificio ad uso civile abitazione previa parziale demolizione delle proprietà esistente. Il nuovo fabbricato in progetto consiste in un blocco composto da quattro piani, uno dei quali destinato ad autorimessa, due ad abitazione e l’ultimo a sottotetto in parte soffitta di pertinenza e in parte non accessibile. Al piano primo e secondo si suddividono le 4 nuove unità abitative previste.

La nuova costruzione rompe la semplicità e l’isolamento del vecchio edificio e configura un complesso sostanzialmente unitario, strutturandosi come un blocco centrale, unito all’esistente dal blocco scala che si mostra perno sostanziale nel legame tra vecchio e nuovo. Più basso rispetto al volume principale, il blocco è coperto da una monofalda e mette in comunicazione la casa col giardino interno tramite la parete in vetrocemento. Questa è serrata da due volumi laterali in un contrappunto pieno-vuoto spezzato dai balconi degli alloggi. Un corpo a parte accoglie invece l’ascensore. E’ il corpo scala/ascensore che individua quasi tutti gli accessi: le cantine e la porzione di cortile a nord al piano terra e le unità immobiliari ai piani superiori. In particolare, al secondo livello è individuato l’accesso all’alloggio ricavato nel fabbricato esistente.

La connessione tra vecchio e nuovo si esaurisce qui, dal momento che l’edificio afferma la sua originalità senza mimetismi e facili assonanze. Il rigore compositivo e l’impostazione simmetrica del vecchio edificio si stemperano sia in pianta che in alzato nella nuova costruzione. Qui è forte l’ alternarsi di positivo e negativo, di rientranze e sporgenze, di cambi di quota che modellano l’intero organismo edilizio. La modellazione si traduce sui fronti in un continuo alternarsi dei due materiali scelti, legno e intonaco, che segnano sporgenze e rientranze. I prospetti così sono risolti con un gioco di luci e ombre che si propone come nuovo elemento all’intorno circostante.